Gianni Celati. Matrimonio Bellavista

Esce oggi per doppiozero il racconto di Gianni Celati Matrimonio Bellavista.

 

Nel quadro astrale della famiglia Marcocesa, le posizioni degli ascendenti e le triangolazioni della Luna con il pianeta Saturno non promettevano niente di buono. Le due serie di cause erano gli amori extraconiugali del padre e le pretese della madre di non essere considerata una donna da buttar via. Perché aveva dei fianchi che attiravano ancora le occhiate maschili, e questo veniva notificato al marito per intimargli che se lui continuava i tresconi con altre donne, lei poteva benissimo rendergli la pariglia: “Stai attento Massimiliano, io non sono ancora uno straccio da buttar via, e puoi avere brutte sorprese”. Era una sfida che spuntava anche a tavola, davanti ai figli, con risposte del sospirante signor Marcocesa, il quale a tavola aveva l’abitudine di leggere la gazzetta sportiva e non gli interessava altro: “Margherita, per piacere, ti prego, lasciami mangiare in pace! È mai possibile che neanche quando torno a casa io possa stare tranquillo un momento?”.
Il mio compagno Marcocesa, che noi a scuola chiamavamo Cesa, assistendo a quelle scene era invaso da una noia profondissima. E scappava fuori di casa a camminare per le strade con le mani in tasca e una nuvola grigia in sospensione intorno alla testa. Nei nostri giri quotidiani a zonzo, spesso mi raccontava quei litigi nella sua famiglia, gli urli della madre, le deboli reazioni del padre. Poi Cesa mi spiegava il suo piano di partire al più presto per un altro continente, arruolandosi come mozzo su un mercantile, e non farsi più vedere nelle nostre terre.


Gianni Celati è nato a Sondrio nel 1937. Docente di letteratura angloamericana all’Università di Bologna, è autore di traduzioni di Celine, Melville, Stendhal, Swift, Twain, London, Barthes, Holderlin e altri. Ha esordito come narratore conComiche nel 1970, presentato da Italo Calvino.
Con Narratori delle pianure ha vinto nel 1985 il Premio Cinque Scole e il Premio Grinzane Cavour. Con Avventure in Africa nel 1988 ha ottenuto il Premio Comisso. Nel 1999 alla New York University gli è stato assegnato lo Zerilli-Marimò Prize for Italian Fiction. Nel 2000 la Toronto University Press ha pubblicato un libro di Rebecca West sul suo lavoro trentennale di narratore, traduttore e saggista. Per doppiozero sono usciti i racconti Il caso Muccinelli e La notte.

 

 

Vi ricordiamo che a Gianni Celati è dedicato il nostro nuovo Speciale, che dà voce alle storie di chi legge e ama i suoi libri.

I pezzi migliori verranno pubblicati da doppiozero in occasione degli incontri che dal 7 marzo fino al 27 novembre animeranno La dispersione delle parole, una rassegna organizzata dal Comune di Bologna in collaborazione con la casa editrice Einaudi dedicata a Gianni Celati per la pubblicazione della sua traduzione dell’Ulisse di James Joyce.



Tags dell'articolo:



Articoli correlati

Viaggio in un libro
Franco Arminio

Nella colonia penale
Andrea Cortellessa

La vera storia di Linus
Alberto Saibene

Speciale Gianni Celati | Narratori in ci... Stefano Bartezzaghi

Celati e il cinema
Marco Belpoliti

Torino e i libri. Una scelta politica?... Marco Belpoliti

Pier Vittorio Tondelli. Altri libertini... Marco Belpoliti

Doppiozero riscrive le Fiabe italiane #2... Marco Belpoliti

Pop Porn
Marco Belpoliti

Per scrivere un commento occorre aver letto e accettato le nostre Norme per la comunità.

comments powered by Disqus

© 2014 doppiozeroISSN 2239-6004Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate