Categorie

Elenco articoli con tag:

Vogue

(2 risultati)

Vogue. 101 fotografie

28.296 fotografi, 53.461 immagini approvate dalla redazione di Vogue Italia. Tutto in poco più di un anno. Le migliori fotografie vengono ora mostrate al pubblico nella Galleria di Carla Sozzani in Corso Como 10, a Milano. Scelta forse un po’ autoreferenziale - il mondo Vogue a Milano vive soprattutto in quel piccolo cortile interno - la mostra A glimpse at Photo Vogue - 101 photographers/101 pictures raccoglie solo 101 scatti di altrettanti fotografi tra tutte le immagini caricate sulla piattaforma di Photo Vogue. L’intento era stato da subito molto chiaro: il giudizio di esperti farà da filtro alle fotografie che verranno caricate online, l’importante non sarà la "professionalità" della foto, ma la sua "anima".   Aleksandar Nakic   E così è stato: le immagini qui esposte sono cariche, ricercate, alcune molto intense, generalmente ben costruite. Non sono solo fotografie di moda come sarebbe facile pensare. Alcune sembrano reportage urbani, altre studi ed esercizi di stile nei quali ombre e geometrie si confondono celando un fiore. Bianco e nero o colore, ritratti rubati o costruiti...

Top model

Nel Sistema della Moda, Roland Barthes definisce la “cover-girl” come un paradosso: da un lato il suo corpo è una “istituzione astratta”, dall’altra si tratta invece di un corpo individuale. Conseguentemente la funzione della modella “di carta”, soggetto corporeo della moda sulle riviste specializzate, non è estetica, non è cioè un “bel corpo” a venire rappresentato, ma un corpo “deformato” al fine di realizzare una generalità: l’indumento di moda. Il corpo della modella è dunque “il corpo di nessuno”, prosegue Barthes, una “forma pura” che serve a significare l’abito quale classe generale di significati, tutti relativi al significato principale, che è per Barthes l’essere di moda.   Il referente dell’analisi barthesiana era la moda “descritta” sulle riviste tra gli anni Cinquanta e Sessanta del nostro secolo. Furono, quelli, anni cruciali per la trasformazione della moda in mezzo di comunicazione di massa a tutti gli effetti, che cioè non si limita a servirsi di altri sistemi di...