Pietro Rigolo

Immergersi nel luogo prescelto

Harald Szeemann a Locarno, 1978-2000

saggistica, anno: 2013

Isbn: 9788897685227

Prezzo: €8,00

Collana: Supernovae


Copia elettronica: PDF e ePub

 

Se la vicenda dell’arte della seconda metà del Novecento è inseparabile dalla storia delle mostre e dalla loro decisiva rilevanza nel discorso critico e teorico, l’attività curatoriale di Harald Szeemann va considerata come uno dei suoi risultati più significativi. Forse nessuno ha offerto un contributo più originale e innovativo alla pratica espositiva negli ultimi decenni.
Negli anni seguiti alla sua morte nel 2005, diversi studi hanno contribuito a ricostruire le tappe della sua carriera e l’evoluzione del suo “metodo”, mettendo in luce il suo ruolo fondamentale nell’affermazione di una figura, quella del curatore indipendente, che ha acquistato una posizione del tutto nuova, tanto influente quanto controversa, all’interno del “sistema dell’arte”.
L’esposizione diviene con Szeemann un vero e proprio dispositivo in cui ogni elemento viene posto in relazione con un disegno al tempo stesso altamente personale e criticamente produttivo, capace cioè di proporre interpretazioni alternative, impreviste o eretiche, insieme a vere e proprie epifanie di significato. Così concepita, l’esposizione diviene un medium vero e proprio che si presta a sua volta ad essere criticato e decostruito.
Il libro di Pietro Rigolo ne ricostruisce con rigore filologico le varie tappe e si diffonde per la prima volta in modo dettagliato e originale sul suo progetto più personale e totale: il sistema di insediamenti di Monte Verità a Ascona.


Pietro Rigolo ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane - Università degli Studi di Siena nel 2011. È stato collaboratore alla didattica presso l’Università IUAV di Venezia (2007-2012), e attualmente lavora alla catalogazione dell’archivio Szeemann presso il Getty Research Institute di Los Angeles.


Prefazione di Stefano Chiodi

Introduzione

Parte I Harald Szeemann a Locarno
I Musei di monte Verità
L’Elisarion a Minusio (1981)
La casa del Padre Museo della Madonna del Sasso a Orselina (1982)
Alcune mostre presso il Museo comunale d’arte moderna di Ascona (1986-1992)
Il Museo comico presso il teatro Dimitri a Verscio (2000)

Parte II di/su/per/con Harald Szeemann: alcune ossessioni
L’uomo, il professionista, il personaggio e la costruzione del proprio mito
Verso l’Opera d’arte totale
Culto dell’io, storia delle intenzioni e necessità interiore
Utopia e riforma della vita
Un metodo astorico e antiaccademico
“Infondere nell’umanità calore e una nuova luce spirituale”:alcune considerazioni su Joseph Beuys
Forme alternative di spiritualità e influssi junghiani

Conclusioni
Il Museo delle ossessioni in riva al lago
 
Bibliografia