raccontarci le parole più espressive dei nostri dialetti

 

Fontanelle / L’acqua è di tutti belli e brutti. Vota si

L’idea m’è venuta l’altro giorno, volevo fare delle magliette, sul davanti: “L’ACQUA È DI TUTTI BELLI E BRUTTI”, e dietro: “VOTA SI”. Pensavo di realizzare la scritta con la mascherina e uno spray che avrei comprato l’indomani, invece siam partiti subito, Luciano s’è messo a incidere con un coltello affilato i tappi del lambrusco fino a ottenere i caratteri che ci servivano, Gutemberg ci fa ‘na pippa. Mentre lavorava di temperino io facevo la scema ballando, Dammi una V! Dammi una O! Dammi...

 

Abbiamo impresso lo slogan su 2 magliette vecchie dai colorini pastello, improvvisando anche il tampone per il colore con la spugnetta dei piatti. L’idea primaria era di piazzarci accanto a una vedovella e distribuire ai passanti bicchieri d’acqua. Poi ne ho pensata un’altra, fare dei blitz fulminei da una vedovella all’altra e incollarci sopra dei post-it colorati con la scritta in pennarello VOTA SI, m’ero preparata pure il percorso. I performers, noi due. Chi fa da sé fa per tre, ma poi, all’ultimo, giusto per, ho proposto a due amiche di partecipare e loro son state fantastiche. E con mia gran gioia si sono pure uniti i due bimbi di Fabiola, Ruben attilino e Syria l’amorosa.

 

Siamo partiti ieri molto più tardi del previsto proprio nel momento in cui ha iniziato a piovere. Data la partecipazione delle piccole pesti, s’è deciso d’agire intorno a una sola vedovella vicina a casa.  Stavamo quasi per raggiungerla quando è iniziato un diluvio tropicale di goccioloni grossi costringendoci a rifugiarci in un bar. Ma come l’Armata Brancaleone siamo andati fino in fondo, appena è uscito l’arcobaleno la Fabi ha detto ai bimbi, Guarda... Si stanno pettinando le streghe..., Perché mamma?, Si dice così quando piove e c’è anche il sole, Andiamo?!, ha detto Luciano che non ne poteva più. E le streghe son partite: Francesca con la maglietta rosa, Fabiola con quella gialla e io l’arancione.

 

Ringrazio immensamente Luciano, marito, santo recalcitrante e operatore factotum, che non vuole più sentir parlare di fontanelle in aeternum, tutte le persone che hanno contribuito coi loro bei racconti e foto e la bravissima Valeria Vacca, che ha sistemato e caricato su tutto quanto. E naturalmente doppiozero che m’ha dato l’opportunità di vivere questa stimolante avventura acquatica.

 

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOPPIOZERO

Allestimento vedovella. Giardini di Santa Maria alla Fontana, via Boltraffio, Milano.