La funtanèla

Raccontiamo insieme le fontanelle d'Italia

La fontanella di piazza San Gaudenzio a Novara, proprio di fronte alla basilica, è stata ormai elevata al rango di monumento storico della città.

L’importanza storica di questa fontanella è data anche da una poesia in dialetto novarese a lei dedicata, che dal 2001 è possibile leggere su una targhetta appesa al suo fianco.

Una poesia che sa raccontare l’importanza delle fontanelle non solo per la loro utilità, ma anche come elementi caratteristici delle città italiane, che sanno creare un’atmosfera unica grazie al loro continuo scrosciare, soprattutto nel silenzio della notte:

 

 

 

La funtanèla di Sandro Bermani (Lisàndar)

 

L’è in pé, la funtanèla ad San Gaudensi,

propri davanti dal purton dla gesa.

Tüta la not la canta int al silénsi

la sò canson fài d’aqua nuaresa.

E quand l’està la riva, sénsa sgiaché

sa strüsa lì visin, sübit al sénta

al bufunin da fresch ch’la manda lé.

As büta suta cunt la buca vèrta

al beva, as süga al müs tütt slavagià,

al guarda ‘l ciel ch’le bleu cumè ‘na cuèrta

da stèli sbarlüsenti trapuntà!

Sméa propri da truvàss cun ‘na murusa

ch’la spèta int la piassèta indrumentà,

par dat, sensa fa mai la malmustusa,

‘na stissa frèsca da felicità.

La Cüpula l’è ‘d sura: sentinèla

in alt, di mila sogn ad la cità.

Ma lì in bass gh’è lé, la funtanèla

di tiratardi int i bèi not d’està.

 

Sei arrivato fin qui da solo, ora andiamo avanti insieme: SOSTIENI DOPPIOZERO e diventa parte del nostro progetto. Basta anche 1 euro!