Categorie

Elenco articoli con tag:

open access

(7 risultati)

Pagare il sapere

Finire contro un paywall, cioè contro un muro che può essere valicato soltanto dietro pagamento di un pedaggio, è un’esperienza che l’utente medio di internet conosce di certo molto bene. Può succedere quando si cerca un articolo di giornale, il video di un musicista favorito, un modello di lettera commerciale in inglese scritto meglio.   Al ricercatore scientifico di qualsiasi disciplina capita sempre, sistematicamente. In questo caso, però, l’accesso alle informazioni, ai dati, alle conoscenze e alla letteratura critica è una questione cruciale, da cui dipende la possibilità stessa di condurre la ricerca. Ma c’è un’altra differenza importante. Per attenersi alle soluzioni legali, l’abbonamento a un quotidiano on-line o a Netflix, oppure l’acquisto di un e-book di fiction, costano pochi euro, e il download di un pezzo su iTunes addirittura pochi centesimi. Per un ricercatore indipendente o per un ricercatore a tempo determinato il cui tempo è scaduto e che si ritrova senza affiliazione a un istituto accademico o di ricerca, invece, il costo dell’accesso a un...

Open Access e politiche istituzionali

Il 4 novembre 2004 i rappresentanti di 71 atenei italiani espressero con la Dichiarazione di Messina il proprio sostegno alla Berlin Declaration per l’accesso aperto ai prodotti della ricerca scientifica. Il 4 novembre di quest’anno, nel decennale della Dichiarazione, i rappresentanti dei nostri atenei hanno varato una Road Map 2014-2018 che dovrebbe tradurre l’impegno preso in una “via italiana” all’accesso aperto. Gli elementi qualificanti di questa Road Map sarebbero il «dialogo istituzionale» e un «approccio comune per l’Open Access» (OA), il sostegno alla cosiddetta Green Road (la pratica dell’archiviazione delle copie digitali dei prodotti della ricerca in archivi istituzionali aperti) e la creazione di una policy nazionale sui temi dell’archiviazione, dell’accesso e del riuso dei prodotti della ricerca, soprattutto di quella finanziata con fondi pubblici.   Abbiamo dunque una Road Map per arrivare a policy condivise a favore dell’accesso aperto e, ora, anche una Proposta di costituzione di un’Associazione nazionale per la promozione della scienza aperta, che tra le proprie...

Carlo Ratti. Architettura Open Source

L'ingegnere e architetto italiano Carlo Ratti (1971), formatosi presso il MIT di Boston US dove oggi insegna e è direttore del MIT Senseable City Lab (2004), propone un testo dedicato al concetto di open source applicato alla disciplina architettonica, Architettura Open Source (Einaudi, 2014).   A seguito dell'occasione offerta dalla rivista di architettura Domus di scrivere un editoriale sull'open source in architettura – rivista guidata nel 2011 da Joseph Grima – l'autore riprende i temi e la forma di quella prima stesura per ampliarli e affidarli a un medium più tradizionale e duraturo. Per la scrittura Ratti abbraccia la tecnica "aperta" di invitare alcuni critici a contribuire liberamente ai contenuti del testo, via posta tradizionale, Google Documents, email o videoconferenza. Figurano pertanto tra i co-autori o co-curatori anche Matthew Claudel, Ethel Baraona Pohl, Assaf Biderman, Michele Bonino, Ricky Burdett, Pierre-Alain Croset, Keller Easterling, Giuliano da Empoli, Joseph Grima, John Habraken, Alex Haw, Hans Ulrich Obrist, Alastair Parvin, Antoine Picon, Tamar Shafrir. Il libro presenta una critica molto aspra...

Open development

“Come assicurarsi che gli aiuti allo sviluppo arrivino effettivamente alle persone che ne hanno bisogno e come si misura l’impatto dei progetti delle ong?” si chiede il vice presidente della Banca Mondiale Sanjay Pradhan in una Ted Talk, che a oggi conta più di 400mila visualizzazioni. Dal movimento per l’open source in informatica all’open government nella pubblica amministrazione, fino alla teoria dell’open journalism che ispira il lavoro quotidiano della redazione del Guardian, non esiste ambito in cui non sia stata usata la parola “open” per indicare una maggiore attenzione nei confronti di valori quali trasparenza e partecipazione da parte dei cittadini/utenti.   Da qualche anno anche nella cooperazione internazionale la parola ‘open’ ha trovato la sua declinazione: è l’open development, nome sotto il quale si raccolgono una serie di iniziative e azioni per rendere “i dati disponibili e navigabili gratuitamente, incoraggiando i feedback degli attori coinvolti e la condivisione delle informazioni”. Così si legge nella sezione dedicata agli open data nel sito della Banca...

Ricerca e rete

La tecnologia ha spesso giocato un ruolo importante nella nascita di una nuova scienza o nella morte di un’altra: l’improvvisa disponibilità di nuove tecniche di indagine e di raccolta stimola prevedibilmente la costruzione di differenti modelli interpretativi. In effetti oggi è l’intero ambito delle Humanities a essere posto in questione, sollecitato e rimodellato dalle tecnologie digitali. Lo spostamento dal supporto cartaceo al digitale ha conseguenze decisive sul modo in cui leggiamo, annotiamo, memorizziamo un testo, e influisce in modo ancora oggi scarsamente indagato sulle nostre modalità di attenzione.   Interessato all’esplorazione delle potenzialità della realtà virtuale, musicista e programmatore, Jaron Lanier si occupa da tempo di diritti d’autore e economia della Rete. In La dignità ai tempi di internet riflette sulla deriva ultraconcentrazionaria della Rete e le sue conseguenze sulla “classe media”. Sviluppatasi come luminosa utopia, la gratuità dei contenuti online si è risolta in una devastante distruzione di ricchezza per i produttori – i “creativi...

Letteratura scientifica e open access

«Quaranta dollari per un articolo di medicina! Ma vi rendete conto?». Un amico ingegnere, abituato a documentarsi sulle questioni che lo interessano, aveva scoperto i prezzi dei periodici scientifici a pagamento e non poteva credere che per un solo articolo servisse quella cifra. Così ci incaricammo di dirgli che un abbonamento annuale a una rivista di fisica o di chimica, per un ateneo, costa alcune migliaia di euro, mentre un anno dell’«Earthquake Engineering and Structural Dynamics» – tanto per fare un esempio – si acquista per circa 8000 dollari. Nelle scienze umane le cose vanno un po’ meglio, ma si sa che gli umanisti sono sempre senza soldi...   Tra la metà degli anni ’70 e i primi anni 2000, il prezzo dei periodici scientifici è aumentato del 300 per cento (si veda questo articolo di Guédon del 2001), ben oltre l’inflazione, e negli anni successivi la corsa non si è fermata. Giganti dell’editoria scientifica come Elsevier, Springer o Wiley-Blackwell ne hanno ricavato margini superiori al 20 per cento, ma gli atenei, che devono acquistare centinaia di abbonamenti...

Alessandro Delfanti. Biohacker

Dimenticatevi lo scienziato nella torre d’avorio. Dimenticatevi la scienza nel suo splendido isolamento dalla politica, dal potere, dal business e da mille altre incombenze quotidiane. Biohacker di Alessandro Delfanti (Elèuthera), restituisce un’immagine aperta, dinamica e contrastante della ricerca contemporanea. Il volume propone una nuova iconografia del sapere figlia di una strana contaminazione: quella della cultura hacker sulle scienze della vita.   Secondo il sociologo milanese, i valori e le pratiche degli smanettoni dei computer, cresciuti a codici e programmi informatici, stanno segnando la disciplina scientifica del ventunesimo secolo, la biomedicina. I biohacker, scrive Delfanti, “rappresentano un remix di culture che aggiorna l’ethos della scienza tradizionale includendovi elementi provenienti da hacking e free software”.                La ricerca su genoma, cellule staminali, virus, farmaci non è solo il terreno su cui si sfogano le più palesi contraddizioni attuali tra scienza, società e mercato, ma è anche luogo di scontro...