Categorie

Elenco articoli con tag:

invecchiamento

(2 risultati)

Riciclaggio del negativo? / Vecchi potenti

Uno quando va in pensione si dice che è “uscito dalla vita attiva”, con una delle espressioni più grottesche in circolazione nella nostra società. Come se uno a un certo punto si mettesse in modalità OFF. La fine del lavoro sarebbe la fine di tutto. Alla vita rimarrebbe dunque non più il fine (del lavoro) che la rende attiva, ma solo la fine. È terribile pensare di “essere attivi” solo se si produce reddito, cioè ricchezza. Tutto il resto sarebbe non un fine, ma una semplice fine.   Un affare va “a buon fine” quando chi compra e chi vende raggiungono la soddisfazione dei propri interessi. Il fine dell’affare è il suo scopo, generativo per così dire, mentre la fine è il suo annullamento. Il fine dà futuro, la fine lo fa cessare. Il fine di un agire lo stimola, la sua fine lo esaurisce. Naturalmente il fine e la fine sono entità fenomenologiche diverse nel bene e nel male: il fine e la fine dell’educazione (o della solidarietà o della tortura…), poniamo, determinano conseguenze assai lontane. E anche per la vita probabilmente è così: il suo fine la incoraggia, la stimola, non la sua fine. È un po’ come avere o non avere un sogno da realizzare.   Le ragioni della vecchiaia...

Il mondo è degli evergreen

E se dicessimo che ha 55 anni, ma ne dimostra 85? Finito il trattamento, ne dimostrerebbe dunque esattamente 50 meno di quelli che ha. Via quei rugoni che neanche Dustin Hoffman in Piccolo grande uomo, giù la maschera degli anni, su quella di un’aurea, tenace giovinezza! Ad ospitare questo bizzarro annuncio sul proprio sito è nientemeno che il quotidiano britannico The Guardian. Chi volesse verificare di persona – e non vada troppo per il sottile con le traduzioni automatiche ivi misteriosamente ammanniteci – può leggere l’articoletto che accompagna questo allettante e al contempo perturbante ritratto di Dorian Gray al contrario. Basta cliccare qui. Se si abbocca, si può addirittura acquistare on line la magica maschera d’oro che cancella il tempo: promozione speciale fino al 27.02.2014, ahinoi proprio mentre scrivo. Perché occuparsene, direte voi. In fondo le pagine dei giornali nostrani sono piene di imperativi e promesse analoghi. Il mondo, dovremmo ormai saperlo, è degli evergreen – non dei giovani, attenzione, ma di chi ha i mezzi e la voglia di sembrare eternamente giovane. Il grande tabù...