Vagabondo delle stelle
Davide Sapienza

Scrittore, traduttore, giornalista (attualmente al Corriere della Sera di Bergamo) si dedica a forme di narrativa legate al viaggio e al cammino sulla Terra, anche con reportage fotografici. I Diari di Rubha Hunish, La valle di Ognidove, La strada era l'acqua, La musica della neve, Scrivere la natura e Camminando sono i segnavia di un percorso letterario dinamico, fuori dai paletti di genere. Ha lanciato i cammini NatuRe (anche di più giorni), realizza performance musicali letterarie (come nel cd La musica della neve.experience) e nel recente Jack London, sul palco con Francesco Garolfi (Il Richiamo di Zanna Bianca). Cosceneggiatore dell'acclamato Scemi di guerra (2008) di Enrico Verra, nel 2009 la TV Svizzera Italiana gli ha dedicato La sapienza di Davide. Parole in cammino. Traduttore di Jack London e altri grandi autori (Barry Lopez, E.A. Poe), ha lavorato molto sull'esplorazione polare, come Nansen e Scott).

www.davidesapienza.it

www.lavallediognidove.it

www.dirittidellanaturaitalia.it

11.08.2011

Recensione / Il grande viaggio in slitta

Nei prossimi anni la storia dell’esplorazione artica diventerà un argomento importante, alla luce del ruolo centrale che l’Artico sta assumendo nell’immaginario e anche per i mass media. Personaggi di grande levatura come il norvegese Fridtjof Nansen, il danese di origine Inuit groenlandese Knud Rasmussen, saranno due dei nomi di riferimento per comprendere il cammino dell’uomo in rapporto a un mondo incantato che è al centro degli interessi economici odierni delle grandi potenze. Il grande viaggio in slitta di Knud Rasmussen è quindi un libro importante, pagine dove l’autore narra l’incredibile Quinta Spedizione Thule, che dal 1921 al 1924 lo condusse a esplorare e incontrare le popolazioni artiche dalla Groenlandia all...

02.06.2011

Songavazzo / Paesi e città

Da dove vogliamo cominciare? Facciamo così: da quel giorno di primavera del 1991 in cui presi la decisione di venire a vivere a Songavazzo (abitanti attuali 698), uno dei sette comuni alle Falde della Presolana, la Regina delle Orobie (Prealpi di Lombardia, per capirci). La frase fatidica uscì dalla mia bocca alla vigilia del mio primo viaggio in USA dove feci anche la mia prima reading pubblica, all’Earth Day di Albany, stato di New York. A pensarci ora, ehi, andai all’Ovest e come rientrai in Italia, andai al Nord. Va bene, non esageriamo: dopotutto venivo da Monza, e sebbene il mio sangue parli siciliano lì ero nato e lì ero cresciuto, cercando in ogni modo di andarmene. Un grande balzo in avanti. Avevo ventisette anni e da grande volevo fare...