AUTORI
Francesca Bolino
11.02.2014

Margarethe von Trotta. Hannah Arendt

Era il 1962. In una via centrale di New York un taxi viene tamponato da un autocarro. La donna che si trova all'interno del taxi è ferita. Sull'ambulanza la donna muove le gambe per capire se non ha subito gravi danni. Poi inizia a passare in rassegna la sua vita, anno dopo anno.   Ricorda la sua infanzia, la giovinezza trascorsa a Könisberg. L'università a Marburgo e a Heidelberg. Ricorda la fuga dalla Germania; l'esilio a Parigi dove ha incontrato suo marito; il campo di internamento per donne di Gurs; la fuga dall'Europa e l'arrivo in America. Ricorda che avrebbe dovuto scrivere un libro a cui teneva molto, troppo: un libro sul processo a un nazista.   Ricordava tutto. Ma qualcosa la turbava. Più tardi raccontò a un...