Categorie

Elenco articoli con tag:

pesce

(2 risultati)

Carnet geoanarchico | 3 / Nel tempo fossile delle balene

Le balene si spiaggiano da sempre. Possiamo immaginare una costa temperata, sfiorata dal brivido dei grandi ghiacciai pleistocenici. Un gruppo di umani che avanza lungo una costa. I ciottoli grigi, il rumore della risacca e degli uccelli. Poi a un certo punto, laggiù, troppo lontano per recuperarlo nella memoria, si vede un indecidibile scuro, annuvolato di bianco, becchettato da un caos di ali e volteggi. Il gruppo si avvicina ma la massa nera, tormentata, smontata pizzico dopo pizzico, non trova il paio nella memoria. Non c’è neanche la parola corrispondente per addomesticarlo. Certo. Un pesce enorme, ma in un rapporto di scala così insolito da scardinare la percezione. Se lo guardi da lontano, per vederlo tutto intero, sei così distante da perdere i dettagli.   Hai l’insieme, ma è un insieme opaco. Se invece ci vai sotto fino a sentirlo dentro il naso, gas di decomposizione, ammoniaca, allora sei vicinissimo alla sua trama, ma lo smarrisci, il pesce, a destra, a sinistra, in ogni direzione, tranne quella dei piedi. Come a guardare un paesaggio a due centimetri da terra, il grande leviatano scompare. Cominciamo da lontano allora. Nella Repubblica dell’Azerbaigian, in una...

Muccigna

  Nel dialetto marchigiano della costa tale termine sta ad indicare quell’insieme di pesci che il pescatore metteva da parte al suo ritorno per il proprio consumo, ma che spesso veniva venduto dalle mogli degli stessi pescatori sul lungomare, vicino al porto. Si trattava di pesci poveri e non commerciabili per qualità e pezzatura.  Cotti sapientemente in un guazzetto con acqua di mare, aceto e olio d’oliva danno vita ad un gustosissimo piatto della tradizione marinara che racchiude in sé tutto il sapore del mare: il brodetto.   Giovanni Chiarella