raccontarci le parole più espressive dei nostri dialetti

 

Categorie

Elenco articoli con tag:

Michael Caine

(3 risultati)

Sorrentino: Youth

Come sempre bisogna fare la tara a Sorrentino. Chiedersi come costruisca il suo immaginario, cosa ci metta dentro, come lo utilizzi, come lo svilisca e al tempo stesso lo elevi, in un modo spudorato e osceno al quale non può rinunciare. Sorrentino è sempre davanti al suo film, dietro le sue immagini, sopra e sotto il suo mondo, è il verme sotto le rose di Lynch, il paracadutista che atterra sulle montagne svizzere. Invece di nascondersi o di stare a distanza, come forse la fagocitazione del visivo oggi richiederebbe, Sorrentino schiaccia, sottolinea, trapassa il foglio a forza di calcare la mano, e forse converrebbe nemmeno andarli a vedere, i suoi film, se fin dal principio non si ha la voglia o la curiosità di stare al gioco.   una scena del film Youth, regia Paolo Sorrentino, 2015   Quanti registi, oggi, fanno ancora così? Quanti registi, oggi, non sanno rinunciare al loro immaginario, ma anzi lo ribadiscono a ogni passaggio? Pochi, pochissimi, e tutti a rischio di abuso della pazienza (Malick, per dire, volenti o nolenti si è infilato nello stesso pertugio). E Sorrentino, che di certo non ha paura di confrontarsi con i...

Cannes, l'America e noi

È l’edizione numero 68 ma non è certo tempo di rivoluzioni al Festival del Cinema di Cannes. Nonostante l’avvicendamento del presidente, che non è più il cinecritico Gilles Jacob ma l’ex businessman di Canal + Pierre Lescure, figura molto più marketing oriented, il programma non sembra averne risentito e si muove nella linea di una sempre più autocentrata e autocelebrata  conservazione cannoise. A essere onesti c’è da dire che la selezione presieduta come sempre da Thierry Fremaux quest’anno ci è sembrata essere persino un po’ meno paludata e conservativa dell’anno scorso, anche se molti dei nomi noti più audaci sono finiti fuori dalla mostra concorso, in Un Certain Regard e alla Quinzaine des Réalisateurs (tra questi Apichatpong Weerasethakul, Brillante Mendoza, Philippe Garrel e Miguel Gomes). Tra le poche novità ce n’è senz’altro qualcuna negativa, come la scelta del film d’apertura che al posto del classico blockbuster americano è ricaduta su un’opera francese di apparente taglio sociale – in realtà spiccatamente conservatrice –, La Tête haute di Emmanuelle Bercot che riesce senza alcun disagio apparente a fare un’apologia senza ombre del sistema giudiziario francese...

#140 cine: da mercoledì 29 agosto al cinema

#140cine: un tweet per segnalare e commentare ogni settimana i film che escono in sala. Aspettiamo sui social network i vostri voti e i vostri commenti.   Da mercoledì 29 agosto in sala: Il cavaliere oscuro - Il ritorno di Christopher Nolan (The Dark Knight Rises, Usa 2012) #140cine È tornato, forse per l’ultima volta. E chi se lo perde, dopo tutto quello che si è già visto, detto e scritto? Il film è uscito mercoledì 29 agosto. Monsieur Lazhar di Philippe Falardeau (id., Canada 2011) #140cine Ma allora è possibile parlare di morte, di bambini e di scuola senza essere retorici! Grazie, monsieur Lazhar. Womb di Benedek Fliegauf (id., Ger-Fran-Ung 2010) #140cine Fidatevi: non leggete la trama al limite del ridicolo, ma seguite la malinconia sul volto della Green. Merita. El campo di Hernán Belón (id., Argentina 2011) #140cine Un thriller non-thriller, che non è nemmeno un dramma. Colpa della campagna argentina, infinita e inquietante. La faida di Joshua Marston (The Forgiveness of Blood, Usa 2011) #140cine Un...

2Array ( )