Le novità a Lucca Comics 2019

Un’enorme festa dell’immaginario fantastico

Certe sere a Lucca, durante il festival, quando gli stand sono ormai chiusi e la folla si è diradata, può capitare di sedersi a un tavolo a bere qualcosa insieme agli addetti ai lavori, che siano autori o editori. Può capitare anche che i veterani della manifestazione si abbandonino ai ricordi. Tutti di solito ripensano con un misto di affetto e di terrore i tempi in cui la fiera si svolgeva in un padiglione, fuori dalle mura, che bastava evidentemente a racchiudere le schiere di appassionati di fumetto. Oggi Lucca Comics and Games è giunta alla 53esima edizione (dal 30 ottobre al 3 novembre) e le cose sono cambiate parecchio. Da anni gli stand occupano le piazze del centro storico, ai quattro giorni canonici della manifestazione se ne è aggiunto un quinto e soprattutto è diventata sempre più preponderante la parte non strettamente legata al fumetto: la presenza dei cosplayer (fan che si vestono come personaggi degli anime giapponesi), le aree dedicate ai videogiochi e alle serie tv, la concomitanza con Halloween, hanno trasformato Lucca Comics in un’enorme festa dell’immaginario fantastico. Anche se il fumetto non è più l’unico protagonista, Lucca rimane il momento e il luogo in cui gli editori presentano le più importanti novità (che poi usciranno in libreria a novembre). Elencarle tutte sarebbe impossibile, qui ce ne sono alcune (ma altre liste si trovano sui siti di informazione specializzati come Fumettologica e Lo Spazio Bianco).

 

Dylan Dog I racconti di domani

di Tiziano Sclavi e Gigi Cavenago (Sergio Bonelli Editore)

 

La serie regolare si appresta a tagliare il traguardo dei 400 numeri e Dylan Dog è pronto a incrociare le sue avventure con quelle di Batman, in un crossover che verrà presentato in anteprima proprio a Lucca. Ma per i fan della prima ora la notizia più importante è il ritorno alla sceneggiatura di Tiziano Sclavi. Il creatore di uno dei personaggi di maggior successo nella storia del fumetto italiano ha da tempo rarefatto le sue storie, ma ora torna a raccontare il suo old boy con un’antologia di racconti brevi dal titolo Dylan Dog – I racconti di domani. “Il libro impossibile” è il primo di una serie di volumi di 64 pagine a colori scritti da Sclavi e disegnati da Gigi Cavenago (l’attuale copertinista della serie). 

 

 

 

Celestia vol. 1

di Manuele Fior (Oblomov)

 

Celestia è una Venezia futura e/o parallela, rimasta isolata dalla terraferma, dove vige il baratto e il Carnevale sembra prolungarsi all’infinito. È lo sfondo in cui si muovono Pierrot, giovane ribelle un po’ punk, e Dora, una ragazza che non riesce più a controllare i suoi poteri telepatici. Nel suo nuovo lavoro Manuele Fior riesce a essere allo stesso tempo antico e modernissimo: l’attenzione quasi artigianale al disegno di ambientazioni e personaggi e l’uso di una tecnica come la tempera si mescolano a temi e scenari fantastici, ma è un fantastico estremamente delicato e personale. Celestia è pubblicato in due volumi, il secondo uscirà nei primi mesi del 2020.

 

 

 

Momenti straordinari con applausi finti, di Gipi (Coconino Press Fandango)

Il nuovo fumetto di Gipi è per il momento avvolto in un alone di mistero. Persino la copertina non è quella vera, o meglio è solo una delle due (a quanto pare). Sappiamo che questo lavoro mescola varie linee narrative – la storia di un comico che si ritrova al capezzale della madre, quella di un gruppo di cosmonauti in viaggio da millenni – e vari tipi di disegno, dal bianco e nero super-tratteggiato all’acquerello. Anche se negli ultimi tempi ci ha abituato a incursioni nel cinema e della televisione, il fumetto sembra rimanere il mondo in cui Gipi si mette davvero a nudo, e in questo libro in particolare.

 

 

 

Clyde Fans

di Seth (Coconino Press Fandango)

 

I fratelli Abe e Simon Matchcard sono due commessi viaggiatori, hanno una ditta di ventilatori elettrici che tra gli anni ’50 e ’70 entra in crisi perché tutti stanno passando all’aria condizionata. La fine dell’attività sembra mettere in crisi anche il loro rapporto. Questa in breve la trama di Clyde Fans, opera che il canadese Seth, una delle firme più importanti del fumetto nordamericano, ha portato avanti per circa 20 anni e che ora esce in un unico volume. Si annuncia come la storia del tramonto di un’epoca pre-consumistica, dove anche gli oggetti di uso quotidiano (ventilatori, telefoni, insegne dei negozi) avevano una loro particolare bellezza, tema ricorrente nell’opera di Seth.

 

 

 

Visa Transit vol. 1

di Nicolas de Crécy (Eris)

 

È il nuovo libro di uno dei più apprezzati autori di fumetti in Francia. Visa è il nome di un’automobile, un vecchio modello Citroën, ma è anche il termine francese per visto, lasciapassare. Proprio su una Visa scassata, riempita di libri e di sacchi a pelo, l’autore ventenne viaggiava nel 1986 insieme al cugino Guy per attraversare la Cortina di ferro, dal Nord Italia alla Jugoslavia, per arrivare fino in Turchia. Visa Transit è il racconto autobiografico di quel viaggio in un’Europa ancora divisa.

 

 

 

Libia

di Francesca Mannocchi e Gianluca Costantini (Mondadori Oscar Ink)

 

Negli ultimi anni il giornalismo a fumetti è stato molto praticato, spesso però con il rischio di porsi unicamente come una via più semplice e veloce per discutere di temi complessi. Questo lavoro si annuncia invece come uno sguardo in profondità sulla Libia, su “la Libia dei libici”, come spiega la scheda dell’editore. A firmare la storia è la giornalista d’inchiesta è Francesca Mannocchi (già autrice di Io Khaled vendo uomini e sono innocente per Einaudi), a tradurla a fumetti, con l’aiuto di Daniele Brolli per la sceneggiatura, è Gianluca Costantini, da sempre impegnato sul fumetto di realtà, con particolare attenzione al Mediterraneo e al Medio Oriente.

 

 

 

Negri gialli e altre creature immaginarie

di Yvan Alagbé (Canicola)

 

Disegnato tra il 1994 e il 2011, Negri gialli e altre creature immaginarie racconta la vicenda di Alain, immigrato a Parigi dal Benin, e della sua ragazza Claire, una donna bianca francese. Alle prese con le difficoltà della vita da sans papiers, Alain e Claire hanno anche uno strano rapporto con Mario, poliziotto franco-algerino in pensione. Tanti temi si mescolano in questa opera, il razzismo, le migrazioni, l’eredità coloniale e il modo in cui le persone tentano di portare avanti la propria vita in mezzo a tutto questo. Uscito in Francia nel 2012, il libro ha vinto quest’anno la selezione Talking Pictures della New York Review of Books.

 

 

 

Susi corre

di Silvia Rocchi (Canicola)

 

La collana Sudaca targata Canicola edizioni è unica nel suo genere. Sono storie brevi (36 pagine) in formato gigante (30x42), vale a dire un’esperienza anche fisica sia per gli autori che vi si cimentano sia per i lettori. L’ultimo albo della serie è firmato da Silvia Rocchi, autrice che dopo alcune biografie a fumetti (Alda Merini, Tiziano Terzani) ci sta abituando a storie quotidiane, spesso ambientate in provincia. In questo caso è una fiera di paese a ospitare la vicenda di Susi, appena adolescente, e di suo nonno, in un confronto tra due generazioni che si trovano in situazioni opposte.

 

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOPPIOZERO