Museofilia
Stefania Zuliani

Stefania Zuliani è docente di Storia e teoria del museo contemporaneo all'Università di Salerno e studia i mutamenti che negli ultimi decenni hanno segnato le relazioni tra arte, critica e spazio espositivo. Su questi temi ha, tra l'altro, curato il convegno e il volume Il museo all'opera. Trasformazione e prospettive del museo d'arte contemporanea (2006) e pubblicato la monografia Effetto museo. Arte critica educazione (Bruno Mondadori 2009). Critico d'arte, ha curato numerose mostre tra cui, più di recente, Filiberto Menna. La linea analitica dell'arte contemporanea (2009) e La mostra è aperta. Artisti in dialogo con Harald Szeemann (2010), entrambe in collaborazione con la Fondazione Filiberto Menna. Centro Studi di Arte contemporanea.

29.03.2011

Napoli. Morte di un museo

Sono state molte le inaugurazioni del Madre. La prima, nel giugno del 2005, aveva aperto le sale di Palazzo Donnaregina per mostrare alla città e al mondo, da sempre interlocutore privilegiato del museo, come l’avventura transitoria delle installazioni a piazza Plebiscito, le numerose incursioni del contemporaneo al museo archeologico e a Capodimonte, i progetti degli Annali delle Arti avessero trovato finalmente domicilio stabile, arché e cominciamento, nel recinto saldo del museo. Poi è stata aperta la collezione permanente, frutto in comodato di una paziente tessitura di rapporti internazionali, si è dato l’avvio all’attività delle mostre – quella di Kounellis, con la riproposizione dei cavalli dell’Attico, fu un...

01.02.2011

Baia, Museo Archeologico

“Lost paradise” recita, non senza internazionale ironia, l’insegna del parcheggio, ovviamente a pagamento, e ovviamente vuoto, che ai piedi della rocca accoglie il visitatore del Museo Archeologico dei Campi Flegrei a Baia. Neppure un’auto, neanche una moto dimostrativa. Del resto, se si evitano i mesi obbligati e rumorosi del turismo scolastico e delle vacanze mare pizza e archeologia, il Castello Aragonese, che dal 1993 ospita, ma non sempre espone, gli straordinari reperti che il mare e il bradisismo hanno sottratto all’avidità degli antiquari e alla corrosione degli scarichi industriali – Bagnoli è un fantasma perplesso dietro la punta del golfo – non sembra proprio soffrire di sovraffollamento. Gli orari d’apertura...