raccontarci le parole più espressive dei nostri dialetti

 

New Frisbees
Giulia Niccolai

Giulia Niccolai è una fotografa e poetessa italiana. Nel 1966 pubblica da Feltrinelli il suo primo romanzo in italiano: Il grande angolo; traduce Gertrude Stein, Virginia Woolf, Patricia Highsmith, Dylan Thomas. Fonda con Adriano Spatola la rivista Tam tam e l'omonima collana di poesia sperimentale. Tra le sue opere di poesia: Poema & Oggetto (1974), Facsimile (1976), Frisbees in facoltà (1984), Frisbees (poesie da lanciare), 1994, Frisbees della vecchiaia (2012), in prosa; Esoterico biliardo (2001), Le due sponde: spazio/tempo - oriente/occidente (2006), Poemi & Oggetti, Poesia complete, Le Lettere (Firenze. 2012).

10.05.2014

New Frisbees 8

Un amico mi fa notare che aver messo proprio lì la Master Card, è un colpo di genio. Ti sbagli, gli spiego. Avevo appena chiuso il computer sul penultimo frisbee, ero andata in soggiorno, avevo acceso il televisore e me l’ha  detto lui. * Ahimè, i frisbees sono troppo veloci. Ne ho dovuti trascrivere una quarantina (di quelli degli anni Ottanta, che non avevo in memoria), e io stessa li ho capiti meglio ma molto meglio ribattendoli che non leggendoli. Cari lettori, siete disposti a farvi amanuensi? * SOLO A ROMA Alla stazione Tiburtina do l’indirizzo al taxista: Via Ruggero Bonghi. E lui mi chiede: perché non va in metropolitana? È l’ora di punta. Non gli va di attraversare mezza Roma. * Fermi a un semaforo con lo stesso...

26.04.2014

New Frisbees 7

Alla mia età tornano in mente questi aneddoti di un lontano passato. In seconda ginnasio, al secondo trimestre, dovevo rimediare un 4 in storia. All’interrogazione la Prof. mi chiese: Dove abbiamo cominciato la storia quest’anno? Terrorizzata risposi:
all’inizio del libro. Venni mandata dal preside per insolenza e insubordinazione. * Ma quando qualcuno chiese a quella stessa Prof. perché Dante si lamentasse del pane salato, lei rispose: perché ci  piangeva sopra  disperato. Nessuno la mandò dal preside. * Questi ultimi  frisbees credo di averli scritti per rispondere e spiegare ad Alessandro Giammei la ragione per cui non riesca a non prendermi sul serio quando lo faccio ridere. * Per fortuna il mio disadattamento in mezzo...

18.01.2014

New Frisbees 6

Un altro frisbee da Giacomo Negri: “Nollywood, l’industria cinematografica della Nigeria è la terza del mondo”.   Il mio computer non ne è al corrente. Sottolinea in rosso Nollywood e anche Bollywood ma non Hollywood. Vergüenza, vergüenza, per lui sono solo errori di stumpa?   *   Alessandro Giammei mi aveva già regalato l’oggetto frisbee della N. Y. U. Ora me ne regata uno di parole: “Non riesco a non prenderti sul serio quando mi fai ridere”. A Mosca, a Mosca! (Per la gioia delle tre sorelle). La laurea, la laurea! (Per la gioia mia).   *   Per Giovanna Chiti   Quando un’amica o un amico ti dice di aver...

04.01.2014

New Frisbees 5

La mia gioia sono le parole che si inseguono come biglie dentro e fuori le gallerie di un castello di sabbia.   *   Parole che bisbigliano.   *   Scritto sopra la soglia di una casa a Wa in Ghana: If you think that education is expensive try ignorance! Questo me l’ha mandato un cugino, Giacomo Negri, da là. Sono così richiesta che ho bisogno di  “negri” per i frisbees?   *   È scontato che la merce sia scontata. Non costa niente?   *   Voci di corridoio. Vocabolario  di corridoio?

14.12.2013

New Frisbees 4

Franca chiede a una giovane che si chiama Allegra, se è contenta di chiamarsi Allegra. Sì, risponde allegra la giovane, anche perché altrimenti mi avrebbero chiamato Aliante.   * Incrocio per strada un senegalese in maglietta con la scritta: LIKE WHAT YOU SEE.   *   Si dice: faccia della medaglia e faccia della moneta. Questo perché solitamente su medaglie e monete ci sono facce di profilo o perché medaglie e monete hanno due profili come le facce? E cosa dire delle due facce di una persona?   *   Il soprannome di Giancarlo Calza è: il vecchio pazzo per Hokusai.   *   Certi frisbees stanno in piedi per un loro equilibrio che sbilancia invece di...

09.11.2013

New Frisbees 3

Monica Palma mi regala questo frisbee: four two nata! Lo sono, eccome se lo sono! Ma lei l’ha rubato a Ollio e Stanlio?   *   Come ex-fumatrice non posso fare a meno di paragonare i cellulari alle sigarette di una volta. Stessa ossessione, stesso compiacimento stesso modo per sentirsi importanti, à la page. E così anche per gli attori nei film.   *   Humphrey Bogart e Ingrid Bergman a Casablanca ognuno col suo cellulare che suona, al quale rispondono, sul quale  mandano messaggi, che  guardano in continuazione. Mi ha cercato qualcuno? Mio Dio quanto è lontana quell’epoca! E i telefonini? Giochini per persone sole? Tutti soli?   *   Una sessantenne alla cassa del Supermercato....

26.10.2013

New Frisbees 2

Franco Tagliafierro arriva alla Malpensa da Madrid. Al pullman davanti all’ingresso chiede: Va alla Malpensa?   *   Gianni rincara: Non solo diffidano di noi, ci cancellano, non ci siamo proprio. Non si alzano, non ci offrono il posto né in autobus, né in metrò. Stanno sparapanzati con le gambe in corridoio sulle quali potremmo anche inciampare…   *   A Moncalieri la scritta: ECODEM sta sopra un’officina e significa Demolizione Ecologica. Non se ne può più di questa ecologia come il prezzemolo.   *   Senza vedere lo schermo, sento una voce che riconosco e chiedo: Chi è che sta imitando Bersani? Non lo stanno imitando. È BERSANI!

12.10.2013

New Frisbees 1

Franca Rovigatti torna da Zanzibar con delle infradito: la suola di copertone e sopra, in plastica verde, un ciuffo di foglie di marijuana.   E Paola commenta: un classico dell’atelier Marie Jeanne Michelin!   *   Spedisco due libri ai Prof. Giovanni Bertone e Gino Ruozzi. Per farlo, mi servo della cassetta postale di Piazza Baracca. Il giorno successivo la cassetta non c’è più. Avranno rottamato anche i miei libri? E cosa vorrà dire il fatto che mi  succedono queste cose impensabili, ora che ho 78 anni, e mai prima, in tutta la vita?   *   Tutti gli amici più giovani di me sembrano diffidare di quanto dico. E’ perché sono vecchia o perché dico sempre cose...