AUTORI
Daniele Salerno
19.04.2013

Varsavia, il ghetto e la mappa di Atlantide

Trovare quel che resta dei chilometri di muro che chiudevano ermeticamente il ghetto di Varsavia non è impresa facile. Una volta trovata ulica Sienna, una piccola traversa di aleja Jana Pawła II, trafficata arteria che taglia il distretto finanziario della capitale polacca, si deve riuscire a penetrare nel cortile interno e privato di un condominio. È lì che si trova il muro: minuscolo sullo sfondo dei grattacieli ultramoderni di Varsavia.     Per trovarlo le mappe turistiche servono a poco. Molto più utile invece usare come mappa un graphic novel: Noi non andremo a vedere Auschwitz di Jérémie Dres, pubblicato da Coconino Press. Un graphic novel che è la mappa di qualcosa che non c’è quasi più, di...

26.11.2012

Rivoluzioni Twitter, miti 2.0 per il postconflitto

Si cominciò a parlare diffusamente di rivoluzioni 2.0 e di rivoluzioni Twitter, quando nel 2009 milioni di iraniani scesero per le strade di Teheran per protestare contro i brogli elettorali che scipparono la vittoria a Moussavi. Grido di battaglia di quella rivolta era un tweet dell’esponente politico iraniano, oppositore del presidente Ahmadinejad.     Erano passati pochi mesi dall’insediamento di Barack Obama e pochi giorni dal suo storico discorso al Cairo intitolato “A new beginning” (Un nuovo inizio), con il quale il nuovo presidente auspicava la chiusura della stagione di conflitti aperti dagli attentati dell’11 settembre. Un discorso che era, nel titolo e nelle argomentazioni, una espansione di quello rivolto da Obama al...

04.06.2012

Il doppio corpo della regina

In occasione del giubileo di diamante di Elisabetta II, la National Portrait Gallery di Londra esporrà fino a ottobre sessanta immagini della sovrana in una mostra intitolata The Queen. Art and Image. L’immagine simbolo dell’evento è la foto di Chris Levine Lightness of Being: un primo piano fotografico della sovrana con gli occhi chiusi. Le immagini che ci ritraggono con gli occhi chiusi sono quelle da cancellare e dimenticare. In esse non abbiamo saputo mantenere il controllo su noi stessi, contravvenendo a quella convenzione sociale – la posa – che nella tradizione della ritrattistica ci vuole con gli occhi ben aperti, sguardo diretto all’osservatore e preferibilmente sorridenti. Il soggetto fotografato con gli occhi chiusi è...

27.01.2012

Omocausto: l’oblio della vergogna

Ne I sommersi e i salvati Primo Levi racconta che quasi tutti i sopravvissuti allo sterminio nazista avevano un incubo ricorrente: di tornare a casa, di provare a raccontare quello che era accaduto e di non essere ascoltati o creduti. Levi conclude: “Fortunatamente le cose non sono andate come le vittime temevano e come i nazisti speravano”. Il sogno di Levi e dei sopravvissuti viene raccontato quasi con gli stessi termini da Heinz F., uno dei sopravvissuti intervistati nel documentario Paragraph 175 (2000) di Rob Epstein, Jeffrey Friedman e Klaus Müller. Non si tratta però di un sogno, ma della realtà quotidiana che segnò il destino di Heinz e di tutti coloro che nell’universo concentrazionario portavano, in quanto omosessuali, il triangolo...