raccontarci le parole più espressive dei nostri dialetti

 

Categorie

Elenco articoli con tag:

startup

(2 risultati)

Startup nell’era dell’impatto sociale

Se le startup innovative viaggiano col vento in poppa, quelle “a vocazione sociale” (SIaVS) sono impegnate in una più difficile (ma forse anche più sfidante) navigazione controvento. Le prime sono migliaia, le seconde solo qualche decina e l’impressione è che il divario non si misuri solo in termini assoluti, ma anche in termini di qualità. Si contano sulle dita di una mano le SIaVS che sono benchmark di settore grazie a una interpretazione radicalmente nuova della loro vocazione sociale. E, all’opposto, guardando alle attività svolte da questa nuova genìa d’impresa, in più di qualche caso si fa fatica a cogliere il carattere autenticamente sociale dell’iniziativa.   Per risolvere il problema le strade sono due. La prima, impegnativa, è cambiare la direzione del vento. Fuor di metafora significa cambiare l’impostazione di politiche per l’innovazione che per essere realmente efficaci devono incrociare altri contesti generativi oltre a quello tecnologico. Contesti che peraltro si manifestano in modo sempre più nitido intorno a iniziative imprenditoriali che nella...

Teaching- vs. research-universities

Come si definisce una buona politica industriale? Quali relazioni esistono con le politiche dell’istruzione superiore? E quale credito concedere alle retoriche su “innovazione dirompente” e start up? Sono queste le domande cui Gianfelice Rocca, presidente di Techint e fondatore dell’Istituto clinico Humanitas, già responsabile educativo di Confindustria, si propone di rispondere.   Un’analisi del sistema industriale italiano costituisce la premessa. Sono le industrie a media tecnologia, per Rocca, a meritare riconoscimento e sostegno strategico: la petrolchimica, l’elettrotecnica, la meccanica, l’automobilistica, la medicale, la nautica. Il mito della Silicon Valley (o del “giovane-Steve-Jobs-nel-garage-di-casa”) ci spinge a dimenticare una circostanza fondamentale: sono i settori industriali intermedi a sospingere l’economia italiana. L’Italia è più simile alla Germania che alla California, e può attendersi un maggiore beneficio da innovazioni di tipo incrementale.   I percorsi educativi superiori dovrebbero essere profondamente modificati per venire incontro alle esigenze...