Categorie

Elenco articoli con tag:

Miuccia Prada

(3 risultati)

Prada in stile Diego Rivera

Lui, uno dei fotografi più famosi nel panorama internazionale. Lei, una delle stiliste italiane più rinomate ed eleganti del fashion system. Una collezione dai colori accesi, saturi, giocati sulle geometrie delle forme e su continui e repentini cambi di texture. Miuccia Prada ha scelto Steven Meisel per la campagna pubblicitaria di questa primavera 2014. La visione creativa della signora è stata enfatizzata magistralmente dal fotografo statunitense che trasferisce tutta l’energia della collezione sul piano bidimensionale. L’ispirazione per tutti gli scatti sembra davvero venire dai murales, quelli messicani ad esempio, quelli di Diego Rivera per intenderci. Colori che invadono lo spazio, grandi figure, forte bidimensionalità, immobilismo ed energia.   È stata come un’evoluzione. All’inizio, appena lanciata la campagna sui quotidiani o sulle pagine patinate delle migliori riviste di moda, primeggiavano gli scatti di gruppo. In quelle immagini, una decina di modelle, fissava quasi senza alcuna espressione – se non quella dell’eleganza – l’obiettivo. A parlare sono gli abiti d’altronde...

Cosmopolitismo e diversità culturale

Terzo appuntamento con le "Bolle di sapone" di Michele Dantini, serie dedicata all'arte italiana contemporanea nel suo molteplice intreccio con società e politica. I primi due interventi hanno riguardato Giulio Paolini e Marisa Merz. Adesso è la volta di Francesco Vezzoli. La querelle sullo smontaggio e rimontaggio della vecchia cappella gentilizia della Madonna del Carmine di Montegiordano, Cosenza, ha destato curiosità chiassose e voyeuristiche, nient’altro: eppure non è consueto che l’intervento di un artista finisca per interessare le cronache giudiziarie. Interrotto dalla brusca opposizione della magistratura, il progetto di Francesco Vezzoli è carico di implicazioni artistiche e istituzionali che è opportuno considerare per se stesse. Le circostanze sono note. Vezzoli aveva progettato di ricostruire la cappella calabrese nel cortile del MOMA PS1 per una sua personale prevista a fine 2013. Aveva anche progettato di allestirla con una scelta di opere precedenti, quasi a proporre una retrospettiva (ma il termine gli è odioso) o narrare la propria autobiografia. Che ha fatto dunque? Ha acquistato...

Il premio "Curate"

Curate, concorso per futuri curatori promosso da Fondazione Prada e Qatar Museums Authority, solleva pressanti domande sul rapporto tra arte, “creatività” e istituzioni. Quale importanza attribuiamo alla “creatività” in una moderna società democratica? Come immaginare trasformazioni radicali della “mostra” o del “museo”? Come valutare la filantropia culturale?   La nozione di “curatela” è intesa in senso lato: il concorso non si rivolge a curatori già in attività né a aspiranti tali, ma stabilisce che “tutti siamo curatori”. La scelta di non riconoscere competenze tecniche in tema di curatorship ha implicazioni sottilmente polemiche. Può apparire paradossale che una salubre professione di insofferenza per le burocrazie dell’“arte contemporanea” giunga dal cuore stesso del sistema, l’industria del lusso. Ma è proprio così: a capo delle istituzioni promotrici troviamo donne direttamente o indirettamente connesse alle griffes Prada e Valentino.   Come si è giunti al varo di Curate da parte di...