22 marzo 2022 / Giornata Mondiale dell’acqua

22 Marzo 2022

Antonella Anedda, Franco Arminio, Umberto Fiori, Gianni Montieri, Fabio Pusterla, Giuliano Scabia

 

Senza l’acqua non c’è vita sulla Terra. L’acqua è preziosa. Possiede poi tante declinazioni: acqua da bere, acqua per lavarsi, acqua in cui nuotare. L’acqua e le sue immaginazioni sono al centro dei sogni, delle attività oniriche e fantastiche di uomini e donne. In collaborazione con Valmora abbiamo dedicato uno speciale all’acqua pubblicando poesie, prose e scritti di autori italiani e stranieri. Ripresentiamo in questa sede 5 poesie di autori italiani.

 

 

Antonella Anedda, Bambina e acqua

 

Ferma come una biscia che si finge morta

ma con gli occhi spalancati sul fondale

guardava l’acqua in cui bere senza sale 

senza la gola amara, solo la lingua liquida del fiume

tra le foglie di frassino e il canneto.

Sopravviveva in quel verde – in una tregua

mentre il greto le asciugava il vestito 

con una luce di erba, ossa, ghiaia.

 

Pubblicata il 31 gennaio 2018


Franco Arminio, La prima volta che ho visto il mare

 

La prima volta che ho visto il mare

avevo diciassette anni.

A quell’età non mi lavavo le ascelle

e non avevo capito a che serviva il bidet.

Al mio paese non ci sono fiumi

e non c’è nessun lago nelle vicinanze.

Neppure l’acqua bevevo a quel tempo,

solo aranciata Fanta e le gassose.

L’unica acqua che mi piaceva 

era la neve

 

Pubblicata il 24 luglio 2018

 

Opera di Meghann Riepenhoff.


Umberto Fiori, Centri

 

Mi piacciono i convegni, le conferenze. 

Mi piace il silenzio severo di un’aula magna,

di una biblioteca rionale.

Amo le mezze luci di queste sale,

le file di poltrone rosse, blu, 

e le tende lì intorno, il brusio del pubblico.

 

Come in un campo pellerossa il fuoco 

che splende e sale 

mentre la danza si scatena, ecco 

laggiù, sul tavolo, al centro della scena,

limpida e ferma,

la bottiglia dell’acqua minerale.

 

 Pubblicata il 21 marzo 2018

 

Gianni Montieri, Qualcuno e i suoi passi

 

Qualcuno e i suoi passi

dentro il suono che fa l’alba

una specie di rumore

una sorta di stupore

un momento dopo l’altro

un piede dopo l’altro:

 

il gabbiano fermo a San Tomà

l’odore di caffè che viene da un bar

il gatto alla Scuola Grande di San Rocco

il ponte dove mi hai aspettato

la prima volta;

 

credevo di sbagliare strada

e invece l’ho trovata

così mi trovano i canali

che spuntano e non so

se l’acqua applauda

ma mi accompagna.

 

Pubblicata il 16 ottobre 2018

 

Opera di Meghann Riepenhoff.


Fabio Pusterla, Non ho memoria di me

 

Non ho memoria di me, ma precipito

sempre. Sono un’acqua costretta dal basso

che chiama, dal mare

salmastro promesso. Eppure tra il mare

e l’origine avverto un mistero

di nuvole e nebbia. 

Dilago e mi perdo, svanisco nel nulla,

ritorno. E quegli alberi eterni, che pendono

sopra le rive, mi sfiorano

come augurando qualcosa al passaggio.

Vorrei forse

potermi fermare, dormire,

radici serene, sicure. Impossibile.

Questo non mi è

concesso. Né sosta, 

né fine.

 

Pubblicata il 1 maggio 2018

 

Opera di Meghann Riepenhoff.


Giuliano Scabia, Mater aqua

 

                LEI

la chiara          la dolce

                LEI

la pura                la scura

                LEI

la goccia              la pioggia

                 LEI

la nube                 la neve

                 LEI

la nebbia              la brina

                 LEI

l’onda                  la fonte

                 LEI

la rugiada           la sorgente

                 LEI

la fresca               la frusciante

                LEI

la corrente           la trasparente

                 LEI

          la mormorante

                 LEI

la dispersa            l’evaporata

                 LEI

la vergine           l’immacolata 

                 LEI

la solcata         l’ondeggiata

                LEI

l’inquinata       l’avvelenata

                LEI

l’attesa              l’invocata

                LEI

             generatrice

                 LEI

           annegatrice

                 LEI

           dissetatrice

                  LEI

 traboccante        travolgente

                   LEI

 acquana     piovana     anguana

 

 

                  LEI

          onda  marina

       orlata di schiuma

                  LEI

              emersa

             Afrodite

                 LEI

             senza cui

              nessuna

                 vita 

                   è.

 

Pubblicato il 20 febbraio 2018

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOPPIOZERO
locatelli