Fotogiornale
Antonino Costa

Sono nato a Palermo il 10 maggio 1973 da una famiglia che aveva fondato una rinomata pasticceria.

Nel 1991 mi sono trasferito a Milano per studiare presso la Nuova Accademia di Belle Arti, terminati gli studi mi è arrivata la “cartolina” per fare il sevizio militare e sono stato un anno distaccato nel mezzo del Mediterraneo in una remota base dell’Aeronautica Militare. Assolti gli obblighi militari sono ritornato a Milano dove ho cominciato a lavorare sui set di produzioni cinematografiche e pubblicitarie imparando il mestiere del cineoperatore e del direttore della fotografia, mestiere che faccio tutt’ora alternandolo a quello di fotografo per la moda.

Nel bel mezzo di tutto ciò c’è un soggiorno di alcuni mesi a New York fino al maggio del 2001, la nascita di mio figlio Aliseo nel 2003 e la morte di mio padre nel 2012.

12.07.2013

Ospedale San Paolo

Uno scorcio del soggiorno che si trova al quarto piano dell’Ospedale San Paolo di Milano, nel reparto di cardiologia. A ora di pranzo, chi, potendo, non voleva rimanere in stanza a mangiare, andava lì. E ci si trovava insieme attorno alla tavola rettangolare bianca a familiarizzare tra noi e con la malattia; c’erano anche i veterani dell’infarto. Alla fine dell’anno scorso ci ho soggiornato anch’io, poco meno di una settimana, ringraziando il Cielo. Il giorno prima della dimissione, chiesi a mia madre, che era venuta a trovarmi, di passare da casa e portarmi la macchina fotografica. Fuori faceva ancora molto freddo e avevo la nebbia pure nella testa.

15.05.2013

Milano zona cinque

Inizio di giugno dell’anno scorso, andavo in giro nella parte più a sud della zona cinque di Milano, lungo il naviglio pavese all’altezza della conca fallata, sul lato ovest. Il corso d’acqua, come di solito, divide due sponde.   C’è chi sta di là e chi di qua. Da alcuni mesi vivo “da questa parte” e non sento l’attrazione di fare una foto nel lato che dà sul quartiere attorno a via dei Missaglia. Da quest’altro lato invece tutto mi appare esotico.   Ero in giro a cercare altro (le foto del bambino sulla roggia che trovai mesi dopo) e per un centinaio di metri ho seguito questo gruppetto di zingari, finché mi decisi a rubare lo scatto; il primo del rullo. Mi ritirai alcune ore dopo con...

27.03.2013

Roggia Carlesca

Scorrono limpide e popolate di cavedani, passando in prossimità dell’impianto di teleriscaldamento in zona Famagosta e poi vanno a irrigare un vasto comprensorio che si estende nel sud milanese fino a interessare la Provincia di Pavia. Sono le acque della roggia Carlesca, ho fatto gli scatti a poche decine di metri dall’ex comprensorio industriale dell’ex conceria sulla via Boffalora.   In questo piccolo quadrato bucolico, la fauna è ricca e di facile osservazione; ormai è quasi un anno che sto da queste parti e col passare delle stagioni, mettendosi sul piccolo ponte che la oltrepassa, si possono vedere aironi, gabbianelle, cornacchie che litigano coi gheppi, anatre di vario genere e persino un piccolo martin pescatore che vola, coi suoi...

29.02.2012

Palermo / Paesi e città

Nel 1995 andare allo ZEN era per noi giovani palermitani di buona famiglia, pericoloso e sconsigliato. Lì si spacciava la droga e ci portavano i motorini rubati per essere smembrati e rivenduti. Pare che li smontassero in una notte, in uno dei tanti labirintici magazzini male illuminati; sapevamo che se ti “rubbavano il motore” e lo portavano allo ZEN, non avevi nessuna possibilità di ritrovarlo e in quel periodo ne sparivano tanti.     Il suono della parola ZEN era stato per noi ragazzini delle scuole medie e superiori uno spauracchio; la fama negativa che gli si attribuiva, si alimentava col racconto delle storie che capitavano ad amici e agli amici di amici che avevano avuto a che fare con i nostri coetanei che vivevano lì e che il...

17.08.2011

Sentieri di città

Ho fotografato alcuni sentieri in città o di città: vie che si formano su isole pedonali, aiuole e marciapiedi malmessi. Somigliano a quelle che si vedono in campagna e nei boschi e sono create dagli animali con il loro continuo passaggio.   Sentiero Cassarà   Sentiero De Gasperi   Sentiero Aliseo   Sentiero Croce Rossa     Similmente fanno i pedoni col loro cammino, per raggiungere nel modo più lineare e veloce un punto d’interesse comune, come la fermata del bus, oppure per tagliare velocemente due strade parallele o che fanno angolo, laddove le strisce pedonali porterebbero di fronte ad un ostacolo o allungherebbero il tragitto.   Sentiero Campania   Sentiero Leoni...

07.06.2011

Fontanelle / Prizzi, Palermo

Prizzi dista 72 km da Palermo e 79 da Agrigento; con un’altitudine di 1045 metri è uno dei comuni più alti della Sicilia. Nel territorio comunale vi è la stazione meteorologica, ufficialmente riconosciuta dall’Organizzazione meteorologica mondiale.