Categorie

Elenco articoli con tag:

AtWork

(6 risultati)

La questione della libertà artistica

English Version     Organizzato dal 3 al 5 dicembre 2015 presso il centro artistico Darb 1718, il workshop AtWork Cairo, condotto da Simon Njami, ha coinvolto studenti d’arte e giovani talenti creativi del luogo. Il workshop si è tenuto durante la Biennale Off del Cairo “Something Else”, da cui ha tratto il tema, ed è stato facilitato dalla docente d’arte della American University del Cairo, Heba Amin. Artista e attivista culturale, Heba è anche una degli ideatori dell’azione sovversiva condotta lo scorso autunno contro il razzismo della serie TV statunitense Homeland, che ha acceso sulla stampa internazionale un vasto dibattito sulla rappresentazione razziale nei media occidentali. Abbiamo chiesto a Heba di condividere con noi il suo pensiero sulla condizione dell’espressione artistica e creativa in Egitto e sul ruolo del workshop AtWork in questo contesto. Buona lettura. lettera27   Heba Y. Amin, ph. Martin Schwarz       Alla vigilia del quinto anniversario della rivoluzione del 25 gennaio, il governo egiziano ha espresso un chiaro messaggio politico attraverso una serie di azioni...

The Question of Artistic Freedom

Versione italiana     On December 3-5th 2015 we held AtWork Cairo workshop at Darb 1718 artistic center, which involved local art students and young creative talents and was conducted by Simon Njami. The workshop took place during the Cairo Off Biennale “Something Else” and took its title after the event. AtWork Cairo was facilitated by the assistant art professor of American University in Cairo Heba Amin. Heba is also a visual artist, a cultural activist and one of the key figures behind the subversive action against racism of the US TV series Homeland this last fall, which caused huge international publicity and debate on race representation in the Western media. We have asked Heba to share her thoughts on the situation of artistic and creative expression in Egypt and on AtWork workshop within its context. Enjoy the piece below. lettera27   Heba Amin, photo by Martin Schwarz     On the eve of the 5th anniversary of the January 25th revolution, the Egyptian state has relayed a clear political stance through intimidation tactics. The recent government shutdown of the Townhouse Gallery, one of Egypt’s most active and significant...

Venice AtWork Lab: ricordo come archivio nomade

English Version     Una delle più recenti declinazioni di AtWork, l'iniziativa di lettera27 che nasce da una collezione di taccuini d'artista e si sviluppa in workshop in diverse zone del mondo, è stato il Venice AtWork Lab - Parlare di migrazione con i linguaggi dell'arte, dal 31 Ottobre al 20 Novembre 2015, presso il S.a.L.E. Docks – Magazzini del Sale di Venezia.   Dal 26 al 28 ottobre l'organizzazione indipendente Nation25 ha infatti adottato il format di AtWork e realizzato un Lab dedicato al tema dei confini, della migrazione, del nomadismo all’interno del progetto the Nationless Pavilion Laboratory. Circa 25 persone, tra le quali rifugiati e richiedenti asilo provenienti dallo Sprar-GUS di Castrì (LE), dal progetto Fontego – Sprar di Venezia, dall’organizzazione Civico Zero di Roma, sono state guidate insieme a studenti, artisti e ricercatori nazionali dall'artista Emilio Fantin nel rielaborare la dimensione del nomadismo in due direzioni: nomadismo dei pensieri  (immaginazione), nomadismo del corpo (migrazione). I taccuini realizzati sono allestiti in un’istallazione collettiva...

Venice AtWork Lab: Memory as a Nomadic Archive

Versione italiana       Running from October 31 to November 20 at S.a.L.E. Docks – Magazzini del Sale, Venice, Venice AtWork Lab – Talking about migration through the languages of art is the latest advancement of AtWork, the project launched by lettera27, starting with a collection of art notebooks and developing into a series of workshops in a number of countries.   From October 26 to 28, Nation 25, an independent organization, adopted AtWork format to organize a workshop on borders, migration and nomadism, as part of the Nationless Pavilion Laboratory project. About 25 people, including refugees and asylum seekers supported by non-profit organizations such as SPRAR-GUS (Castrì, Lecce), Fontego-SPRAR (Venice) and Civico Zero (Rome), along with Italian students, artists and researchers, were guided by artist Emilio Fantin in re-thinking nomadism from two perspectives: nomadism of thoughts (imagination) and nomadism of bodies (migration). The notebooks created during this workshop, along with materials coming from other two workshops, are exhibited in a collective installation representing “Nation 25”, asylum seekers’...

With Kër Thiossane, Africa Is Home to Open Culture

Why Africa?  For many years lettera27 has been dedicated to exploring various issues and debates around the African continent and with this new editorial column we would like to open a dialogue with cultural protagonists who deal with Africa. This will be the place to express opinions, tell their stories, stimulate the critical debate and suggest ideas to subvert multiple stereotypes surrounding this immense continent. With this new column we would like to open new perspectives: geographical, cultural, sociological. We would like the column to be a stimulus to learn, re-think, be inspired and share knowledge.   Elena Korzhenevich, lettera27   Here the column's introduction: Why Africa?        Versione Italiana       Kër Thiossane in Wolof means “house of traditional culture.” This is the name that Momar François Sylla and Marion Louisgrand chose for the center dedicated to art and digital culture that they founded in Dakar in 2002, with the support of Fondation Langois, Montreal.  Kër Thiossane aims at the democratization of multimedia technologies and digital media in...

In Africa l’open culture è di casa, a Kër Thiossane

Perché l’Africa? Da parecchi anni lettera27 si dedica all’esplorazione di temi legati al continente africano e con questa nuova rubrica vogliamo aprire un dialogo con i protagonisti culturali che si occupano dell’Africa. Qui potranno esprimere opinioni, raccontare storie, stimolare il dibattito critico e suggerire idee per ribaltare i tanti stereotipi che circondano questo immenso continente. Ci piacerebbe aprire con questa rubrica nuove prospettive: geografiche, culturali, sociologiche. Creare stimoli per imparare, per essere ispirati, ripensare e condividere conoscenze. Elena Korzhenevich, lettera27   Qui l'articolo introduttivo della serie: Why Africa?      English Version     Kër Thiossane in Wolof vuol dire ʻcasa della cultura tradizionale’. È il nome scelto da Momar François Sylla e Marion Louisgrand per il centro dedicato all’arte e alla cultura digitale da loro fondato nel 2002 a Dakar, con il sostegno della Fondation Langois di Montreal. Kër Thiossane opera per la democratizzazione dei mezzi multimediali e digitali in genere, in particolare nella loro dimensione...